Regione Veneto

Incontro sul Mediatore dell'Unione Europea

Pubblicato il 19 settembre 2014 • Comune Piazza Vittorio Veneto, Bussolengo, VR, Italia

Arriva il Mediatore dell’Unione Europea: Bussolengo apre uno sportello per evitare il Tribunale.

Si terrà lunedì 22 settembre 2014 alle ore 11 presso la Sala Civica “Elio Bonizzato” della Biblioteca Comunale “Luigi Motta” di Bussolengo, Piazzale Vittorio Veneto n. 101, Conferenza stampa di presentazione del nuovo Sportello Informativo sulla Mediazione Civile voluto dal Sindaco di Bussolengo, dott.ssa Maria Paola Boscaini, la quale ha accettato l’invito del Forum Nazionale dei Mediatori e dell’Unione Europea dei Mediatori a rendersi parte attiva nella promozione e diffusione di questo fondamentale istituto finalizzato all’abbattimento della conflittualità nei rapporti economici e sociali.

Il Comune di Bussolengo, primo nel Veneto e tra i primi in Italia, ha quindi formalmente aderito ai principi ispiratori del Trattato Istitutivo dell’Unione Europea dei Mediatori, attivando presso la casa comunale l’ufficio dell’Ambasciatore U.E.M.; a tale figura sarà demandato l’ambizioso compito di diffondere e mettere in pratica la cultura del dialogo e della conciliazione come forma nuova e diversa di gestione dei conflitti.

Il Forum Nazionale dei Mediatori, membro fondatore italiano dell’UEM, attraverso la sua Portavoce Dott.ssa Irene Gionfriddo coglie l’occasione per ringraziare pubblicamente il Sindaco dott.ssa Maria Paola Boscaini e l’intera Giunta Comunale, elogiandone la concretezza e la lungimiranza per aver reso fruibile ai propri cittadini uno strumento davvero innovativo e di rilevante portata sociale.

“Siamo lieti di annunciare che il Comune di Bussolengo sarà il primo Comune nella Regione Veneto ad aderire al Progetto UEM, aprendo le porte ad un Ambasciatore della mediazione, e ci auguriamo che il buon esempio venga presto seguito da molti altri Comuni virtuosi” ha affermato il portavoce del Forum Nazionale dei Mediatori dott.ssa Irene Gionfriddo, la quale ha proseguito “Siamo sicuri che la figura dell’Ambasciatore UEM godrà di un notevole riscontro a livello sociale e diventerà presto un punto di riferimento importante per i cittadini e le imprese del Comune”.

Per il Sindaco dott.ssa Maria Paola Boscaini “L’istituzione dell’ufficio dell’Ambasciatore UEM è un importante passo nella direzione di un nuovo modo di intendere i rapporti tra il Comune ed i cittadini, improntato al dialogo ed alla reciproca comprensione, ma anche un fondamentale strumento che il Comune mette a disposizione della collettività per aiutare privati ed imprese ad affrontare in forma non conflittuale i piccoli e grandi problemi quotidiani” “Il servizio” prosegue il Sindaco “sarà attivo dalla fine del mese di settembre e vedrà la presenza di un mediatore esperto all’interno di una delle sale del Comune, al quale chiunque potrà rivolgersi per esporre le proprie problematiche ed avere risposte chiare e qualificate sulle metodiche non conflittuali di gestione dei conflitti. Lo sportello sarà aperto il giovedì dalle 10.00 alle12.00 e si potrà prenotare un appuntamento al n. 045/592900. E’ previsto anche un fitto programma di iniziative, anche in collaborazione con altre realtà che operano sul territorio, per sensibilizzare la cittadinanza sul tema della non conflittualità e per fare informazione sui sistemi di risoluzione alternativa delle controversie, confermando così la tendenza del nostro Comune a porsi come laboratorio di idee e progetti sempre nuovi e finalizzati a garantire ai nostri cittadini la migliore qualità della vita ed alle nostre imprese le migliori condizioni per crescere”.

"Voglio esprimere il mio più vivo apprezzamento per l’iniziativa voluta dal Sindaco dott.ssa Maria Paola Boscaini, la quale fin da subito ha colto la grande portata innovativa del Progetto UEM sul piano sociale, e ci ha aperto le porte del Comune con entusiasmo e grandissima competenza". A parlare è il dott. Alberico Colasante, Responsabile Nazionale del Progetto UEM, il quale aggiunge “Auspico che molti altri Sindaci seguano l’esempio di Bussolengo e che si possa così giungere, grazie al supporto delle istituzioni locali, a concepire nuove dinamiche nei rapporti sociali ed economici improntati alla reciproca collaborazione ed alla rimozione delle cause generatrici dei conflitti che – purtroppo – tanto negativamente incidono sull’efficienza del sistema economico e sulla qualità della vita”.

Per il dott. Davide Furlani, Ambasciatore dell’UEM presso il Comune di Bussolengo, “E’ giunta l’ora di allineare il nostro sistema giuridico alle metodiche già in uso da decenni all’estero, dove ormai sempre più diffusamente si parla di diritto collaborativo e di approccio non conflittuale nella gestione dei rapporti economici e sociali, ed in questo senso la delibera del Comune di Bussolengo rappresenta un primo passo di importanza storica”. “Come futuro Ambasciatore UEM” prosegue dott. Davide Furlani “cercherò di dare il mio modesto contributo affinché si possa diffondere un nuovo modo di affrontare i momenti di conflitto, più attento ai reali bisogni delle persone ed alla salvaguardia delle relazioni socioeconomiche, perché compito del mediatore è innanzitutto quello di essere portatore di pace”.

L’Unione Europea dei Mediatori è un network che si è costituito in Roma presso la Camera dei Deputati, nella Nuova Auletta dei Gruppi Parlamentari, in data 18 dicembre 2012, per iniziativa delle più importanti associazioni di promozione e di diffusione della cultura della mediazione di Italia, Francia e Svizzera, e presto conterà l’adesione di altre associazioni rappresentative dei mediatori di tutti i Paesi europei. La principale finalità dell’Unione Europea dei Mediatori è quella di affiancare le istituzioni europee nella diffusione della cultura del dialogo e della conciliazione, nonché quella di sviluppare e promuovere la deontologia etica e professionale dei mediatori. In Italia l’istituto della mediazione civile e commerciale è stato introdotto per la prima volta con il D.Lgs. n. 28 /2010 e la recente Legge n. 98/2013, che ha convertito il decreto c.d. “del Fare”, ha rilanciato la mediazione come importante strumento di prevenzione delle liti e di deflazione del contenzioso giudiziale, prevedendo in molte materie l’obbligatorio esperimento almeno di un incontro preliminare tra le parti prima di avviare una causa.

Chi fosse interessato ad approfondire i temi della mediazione e della risoluzione alternativa dei conflitti, è invitato a partecipare alla conferenza stampa di presentazione del nuovo sportello informativo, che si terrà a Bussolengo lunedì 22.09.2014.